0

Eterotopie

Collana diretta da Salvo Vaccaro e Pierre Dalla Vigna.

In un esplicito riferimento al pensiero di Michel Foucault la collana Eterotopie offre spazi di riflessione e ricerca su società e contemporaneità. È caratterizzata da una forte impronta multidisciplinare e raccoglie riflessioni e dibattiti sugli argomenti più controversi della filosofia contemporanea.

Comitato Scientifico
Pierandrea Amato (Università degli Studi di Messina), Stefano G. Azzarà (Università di Urbino), Oriana Binik (università degli Studi Milano Bicocca), Pierre Dalla Vigna (Università degli Studi “Insubria”, Varese), Giuseppe Di Giacomo (Sapienza Università di Roma) Raffaele Federici (Università degli Studi di Perugia) Maurizio Guerri (Accademia di Belle Arti di Brera), Micaela Latini (Università di Cassino), Luca Marchetti (Università di Roma La Sapienza), Salvo Vaccaro (Università degli Studi di Palermo), José Luis Villacañas Berlanga (Universidad Complutense de Madrid), Valentina Tirloni (Université Nice Sophia Antipolis), Jean- Jacques Wunemburger (Université Jean-Moulin Lyon 3).

Griglia  Lista 

  1. € 11,90 € 14,00

    Il volume raccoglie le relazioni presentate al convegno Italia e Germania tra Ottocento e Novecento, tenutosi presso il Chiostro di Sant’Abbondio il 31 ottobre 2017. L’incontro, organizzato dal Dipartimento di Diritto, Economia e Culture dell’Università degli Studi dell’Insubria con il patrocinio del Centro italo-tedesco per l’eccellenza europea “Villa Vigoni”, ha esplorato, in chiave interdisciplinare, i molteplici aspetti – storici, giuridici, culturali, linguistici – del rapporto maturato tra Italia e Germania negli ultimi due secoli.

    ...
    Per saperne di più

  2. € 18,70 € 22,00

    Che cosa sappiamo della vasta platea degli uomini italiani? Le ricerche scientifiche, la letteratura di divulgazione, il sistema mediatico ci consegnano un profilo contraddittorio, dai limiti incerti, ancorato agli stereotipi tradizionali (il “latin lover”, il patriarca, l’antieroe, il “Peter Pan”) in larga misura sorpassati, ma che legittimano il pregiudizio di un maschio italiano condannato a una perenne immobilità. 

    ...
    Per saperne di più

  3. € 8,50 € 10,00

    Il libro cerca di dimostrare due tesi in particolare. La prima consiste nell’attualizzazione di due concetti apparentati, il “rammendo” freudiano e il “sinthomo” lacaniano, con cui i due psicoanalisti hanno identificato una possibilità di salvezza per le persone che hanno “perso il filo” della propria esistenza. Una vita, per restare tale, deve mantenere annodati i tre fili dell’immaginario, del simbolico e del reale.

    ...
    Per saperne di più

  4. € 20,40 € 24,00

    La categoria di malattia rara, d’insorgenza relativamente recente, ha oggi grande rilevanza in sanità pubblica e in biomedicina. Il concetto merita un’analisi antropologica approfondita, in grado di mostrare, da un lato, le pratiche sociali, culturali e politiche che hanno portato alla sua plasmazione e, dall’altro, quelle che ne sono scaturite. 

    ...
    Per saperne di più

  5. € 18,70 € 22,00

    “Nessun potere ha avuto infatti tanta possibilità e capacità di creare modelli umani e di imporli come questo che non ha volto e nome. Nel campo del sesso, per esempio, il modello che tale potere crea e impone consiste in una moderata libertà sessuale che includa il consumo di tutto il superfluo considerato necessario a una coppia moderna. Venuti in possesso della libertà sessuale per concessione, e non per essersela guadagnata, i giovani – borghesi, e soprattutto proletari e sottoproletari – se tali distinzioni sono ancora possibili – l’hanno ben presto e fatalmente trasformata in obbligo. L’obbligo di adoperare la libertà concessa: anzi, d’approfittare fino in fondo della libertà concessa, per non parere degli ‘incapaci’ o dei ‘diversi’: il più tremendo degli obblighi. L’ansia conformistica di essere sessualmente liberi trasforma i giovani in miseri erotomani nevrotici, eternamente insoddisfatti (appunto perché la loro libertà sessuale è ricevuta, non conquistata) e perciò infelici.” 

    Pier Paolo Pasolini 

    “Si identificano macchina e desiderio. Nietzsche versus Heidegger (e Freud)? S’intende, stiamo constatando. Ma come non ricordare Marx? Il capitale ‘produce un oggetto per il soggetto e un soggetto per l’oggetto’. L’economia politica è economia libidica, perché viceversa. E stiamo, forse, dimenticando la lezione hegeliana della dialettica Servo/Padrone, il legame oscuro e profondo tra essere, desiderio e morte (di cui si ricorda Lacan).” 

    Elémire Zolla 

    “Il cinema è un atto di fede nel Reale, il cine-occhio, come l’inconscio freudiano, non conosce negazione, tempo, morte, contraddizione, ma solo affermazione ragliante, come l’ i-o dell’asino, un’affermazione al limite della stupidità, che deve anzi scontare, soprattutto quando si confronta con le arti sorelle del cinema (e con la loro regina: la poesia), la possibilità intrinseca di essere considerata ‘stupida’ (nella filosofia moderna la ‘stupidità’ prende il nome di ‘ingenuità’ ed è sistematicamente associata al peggiore dei peccati filosofici: il ‘culto’ dell’immediatezza irriflessa).” 

    Rocco Ronchi

    ...
    Per saperne di più

Griglia  Lista