0

Le carte della memoria

Le carte della memoria

Collana diretta da
Stefano Raimondi (Libera Università dell’Autobiografia, Anghiari) e Roberto Revello (Università dell’Insubria, Varese)

Comitato scientifico
Renato Boccali (Università IULM, Milano) José Santos Herceg (IDEA, Universidad De Santiago de Chile) Cathy Leblanc (Université Catholique de Lille) Carolina Pizarro Cortéz (IDEA, Universidad De Santiago de Chile) Stefano Raimondi (Libera Università dell’Autobiografia, Anghiari) Roberto Revello (Università degli Studi dell’Insubria, Varese) Laura Scarabelli (Università degli Studi di Milano)

Comitato redazionale
Francesca Adamo (Gruppo editoriale MIM edizioni)

Griglia  Lista 

  1. € 11,90 € 14,00

    La ricerca presentata si fonda sull’ipotesi che Primo Levi fin dalle prime pagine di Se questo è un uomo abbia sempre avvertito la dicotomia “vittime-carnefici” come una semplificazione eccessiva per una comprensione autentica dell’infamia del Lager. Il costrutto della “zona grigia” è presente, secondo l’autore, in tutto il processo testimoniale e creativo di Levi. Attraverso una riflessione connessa consapevolmente alla epistemologia della complessità ed emotivamente a una elaborazione del suo Io, la “zona grigia” si è definita sempre più, fino alla categorizzazione ne I sommersi e i salvati e al pervenire a una visione a “tre” della fenomenologia concentrazionaria: i carnefici, le vittime e coloro che tra le vittime (i “salvati”) sono stati toccati da questa esperienza. L’autore, in relazione a una lunga carriera professionale, propone “ascoltando” Levi che le esperienze del Lager possano avere, anche se ovviamente con esiti meno terribili, una mimesi in uno “stabilimento industriale”, indicando una estensione del costrutto della “zona grigia” nell’esperienza organizzativa contemporanea. 

    ...
    Per saperne di più

Griglia  Lista