0
Acquista per

Attualmente acquisti da:

  1. Autore: Raniero Fontana
Categoria
  1. Libri (5)

Raniero Fontana

Raniero Fontana dottore in Teologia e laureato in Filosofia. Dopo avere ottenuto un Master in Letteratura rabbinica presso l’Università Ebraica di Gerusalemme, ha proseguito gli studi rabbinici all’Istituto Shalom Hartman diventandone poi ricercatore. Insegna Talmud presso l’Istituto Cristiano di Studi Giudaici e di Letteratura Ebraica a Gerusalemme. Ha pubblicato: Gerusalemme e dintorni (Gerusalemme 1996; Cantalupa 2009), Sinai e Sion (Gerusalemme 1997), Aimé Pallière. Un “cristiano” a servizio di Israele (Milano 2001), Sinaitica. Ebrei e Gentili tra teologia e storia (Firenze 2006). In collaborazione con A. Contessa, Noè secondo i rabbini. Testi e immagini della tradizione ebraica (Cantalupa 2007), Figli e figlie di Noè. Ebraismo e universalismo (Assisi 2009). Per Mimesis: La guerra della Torah. Democrazia, giudaismo, idolatria (Milano, 2008).

Griglia  Lista 

  1. € 13,30 € 14,00
    La onaah verbale consiste nel rivolgere all’altro parole umilianti e offensive, lesive del suo onore. è questa la connotazione che le hanno dato i rabbini e che la rendono oggetto di interdizione. Il tema del libro interessa l’uso buono e cattivo del ling... Per saperne di più

  2. € 11,40 € 12,00
    “Questo cortocircuito del sacro è la cifra filosofica che anima il libro di Fontana. Chi ha orecchie per intendere intenda. Dopo tutto, l’autore parla più ai devoti che ai profani. Posso congedarmi con la stessa cattiva coscienza di un recensore di un rom... Per saperne di più

  3. € 13,30 € 14,00

    Per l’autore, ciò che l’ebraismo denuncia come idolatria non è una realtà estranea o altra rispetto alla sua interpretazione. L’interpretazione di una realtà che l’ebraismo considera esclusivamente alla luce della Torah e della rivelazione. L’idolatria non ha il potere di creare quei mondi che Dio stesso ha prodotto e distrutto prima di questo. La realtà che l’ebraismo proibisce di idolatrare appartiene sempre e solo a questo mondo – il mondo della parola. Idolatrico è insomma il non-silenzio che postula un mondo ancora tutto da dire. Ed è soltanto nel silenzio di una non-parola che l’idolatria stessa scompare.

    ...
    Per saperne di più

  4. € 11,40 € 12,00

    Vi è posto per lo straniero nella società ebraica? Per il non-ebreo ai piedi del Sinai? La posta in gioco del Sinai è più che mai manifesta nella costruzione rabbinica della cittadinanza. Operazione ermeneutica assai complessa. I maestri di Israele l’hanno compiuta ritenendo che gli stessi ebrei ai piedi del Sinai ebbero accesso all’Alleanza come proseliti. È questa l’espressione che essi hanno dato al proprio costituirsi come cittadini di una comunità ermeneutica per eccellenza. Tale fu la comunità nata ai piedi del Sinai. Ed ermeneutico è appunto il gesto che soppianta con il proselito la figura biblica dello straniero, e questo entro il quadro di un’Alleanza ora estesa all’intero orizzonte storico e naturale. E di cui la Torah sinaitica è la Carta. 

    ...
    Per saperne di più

  5. € 11,40 € 12,00
    Dal punto di vista dell’ethos democratico, sorprende che il dinamismo che attraversa il mondo della Torah venga descritto in termini militari. Ma la “Guerra della Torah” - milhamtah shel Torah, secondo il dire rabbinico – si vuole diversa da ogni altra, p... Per saperne di più

Griglia  Lista